• Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.

    M. L. King
  • Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.

    M.L. King

    Perché Papillon?

    La parola ha un suono che mi piace ma sicuramente non basta. Tanti anni fa ho visto un film con Steve McQueen e Dustin Hoffman, Papillon, in cui un uomo innocente viene mandato in carcere e passerà tutta la sua vita a cercare la libertà. Già, la libertà! Parola tanto bella quanto difficile da definire. Ci sono stati periodi storici anche recenti, in cui la ricerca della libertà tout court è sfociata nella violenza e nella malattia mentale….
    LA VIOLENZA DEI DIRITTI NEGATI LA VIOLENZA DEI DIRITTI NEGATI

    LA VIOLENZA DEI DIRITTI NEGATI

    2 Dicembre 2022

    Stavo rileggendo l’articolo pubblicato su questo blog dal titolo Libertà di spogliarsi, non di essere scritto da alcuni studenti di una classe seconda del Liceo Grassi di Latina, una testimonianza fresca e intelligente che fa emergere la bellezza di questi ragazzi che cercano di non farsi confondere dalla cultura dominante proposta dai media e non solo, e ci propongono una riflessione su cosa sia effettivamente la libertà per una donna e quanto la comunicazione di massa, che veicola un pensiero (tristemente) comune, sia sottilmente e invisibilmente (o neanche troppo invisibilmente) violenta nel proporre la donna come “decorazione”, come accessorio del programma di turno, da ammirare nella sua perfezione (perché guai a non essere perfette).

    OPPRESSIONE E DEPRESSIONE OPPRESSIONE E DEPRESSIONE

    OPPRESSIONE E DEPRESSIONE

    25 Novembre 2022

    Oggi vorrei parlare di un tema molto frequente nella psicoterapia degli adolescenti. Non si tratta ovviamente qui di affrontare tutto ciò che riguarda l’argomento depressione ma di vederne un aspetto che a mio avviso è estremamente importante.

    Libellule al tempo delle camicie nere Libellule al tempo delle camicie nere

    Libellule al tempo delle camicie nere

    18 Novembre 2022

    Era lì alla sua scrivania. La piccola barretta che lampeggiava sul foglio bianco di word dove ancora non aveva scritto niente. Era stupito, in genere le parole gli venivano senza nemmeno doverci riflettere e invece quella mattina zero. Il suo capo gli aveva detto: “Spicciati questo decreto sui rave deve stare sulla mia scrivania entro le 16, non un minuto più tardi”. Eppure, niente.

     

    <strong>LA MIA CLASSE E’ UN CAMPO DI GIRASOLI</strong>

    LA MIA CLASSE E’ UN CAMPO DI GIRASOLI

    11 Novembre 2022

    Quest’anno insegno in una classe seconda. La mattina entro in aula e guardo i miei studenti: alcuni sono sempre imbronciati, chiusi a riccio in una malinconia difficile da scalfire, altri sono costantemente in movimento, vulcani in eruzione di vita, altri ancora hanno il sorriso della gioventù che gli illumina sempre il volto. I miei studenti sono un campo di girasoli con cui provo a coltivare orizzonti. Non è mai semplice, perché se capiscono che si possono affidare, che a te importa davvero di come sono e di come diventeranno, allora chiedono tanto, pretendono che tu li veda anche quando ti sfidano con l’aria annoiata di chi vorrebbe stare da tutt’altra parte.

    LIBERTA’ DI SPOGLIARSI, NON DI ESSERE.

    LIBERTA’ DI SPOGLIARSI, NON DI ESSERE.

    4 Novembre 2022

    Qualche giorno fa la nostra professoressa di Italiano ci ha proposto il documentario: IL corpo delle donne di Lorella Zanardo, facendoci così riflettere sul ruolo della figura femminile in tv. Ogni giorno, in prima serata, vengono proposti programmi, giochi televisivi, pubblicità dove, troppo spesso, le donne appaiono come semplici corpi la cui unica funzione è quella di richiamare l’attenzione maschile, come se la realtà più profonda del femminile non dovesse assolutamente emergere. Pensiamo, ad esempio, al programma Libero di Teo Mammuccari, andato in onda a partire dal 2000, dove la giovane Flavia Vento veniva pesantemente derisa dal conduttore davanti a milioni di spettatori mentre era  rinchiusa, ogni sera, in una gabbia di plexiglas sotto un tavolino. Di fronte alle numerose critiche della stampa e dell’opinione pubblica il conduttore all’epoca rispose<< Non capisco il perchè di tutte queste polemiche: la ragazza è una scultura vivente e nella gabbia ha anche I buchi per respirare!>>

    ULTERIORI RIFLESSIONI SUI DSA

    ULTERIORI RIFLESSIONI SUI DSA

    28 Ottobre 2022

    Ritorno su un tema già dibattuto in questo blog (fu il primo articolo scritto da me nell’ormai lontano novembre 2020, “Disturbi specifici di apprendimento. Cosa ci dicono i bambini?”), perché in questi giorni ho letto un articolo inviatomi da un collega psicoterapeuta e poi altri ancora questo mese a causa del fatto che dal 3 al 9 ottobre si è celebrata la VII settimana nazionale della dislessia, organizzata da AID Associazione Italiana Dislessia contestualmente alla European Dyslexia Awareness Week, promossa dalla European Dyslexya Association (Eda).

    Rimani aggiornato! iscriviti alla nostra newsletter