Skip to main content

CUPIDO CI SCAGLIA CONTRO FRECCE TOSSICHE?

CUPIDO CI SCAGLIA CONTRO FRECCE TOSSICHE?

Ammettetelo, almeno una volta nella vostra vita vi siete ritrovati ad ascoltare i problemi sentimentali di quella vostra amicizia o conoscenza che vi hanno dato l’impressione di assistere ad un misto stravagante tra una puntata de “Il Segreto” e uno spettacolo circense. Vi sarete chiesti sicuramente come mai a certe persone piaccia calpestare i sentimenti degli altri, come se fossero uno zerbino preso dal cinese sotto casa al 50% di sconto.

Beh, se non vi è mai capitato vi conviene stare attenti perché forse il tappetino malcapitato siete proprio voi; ma non temete perché non siete gli unici: ultimamente infatti, questi intrecci romanticamente asfissianti, fatti di mille impicci e impiccetti stanno aumentando esponenzialmente. Di certo Cupido non è un angioletto sadico spara-dardi con il pannolone che si diverte a causare queste situazioni. Sarebbe troppo anche per lui. Ma allora qual è la causa?

È molto semplice: vogliamo essere apprezzati. Viviamo per il feedback positivo. Ne siamo dipendenti. Apparire perfetti ormai è la nostra ossessione, come se, se non lo fossimo, non potremmo essere all’altezza dell’amore. Questo ragionamento contorto è ormai radicato nella nostra mente e ci proietta una visione distorta della realtà, così tossica che emana radiazioni nocive sia per noi, sia per chi ci sta intorno.

È proprio la ricerca malata e maniacale dell’approvazione che ci porta ad avere rapporti così ossessivi e distruttivi: le attenzioni sono la droga di cui l’essere umano è più dipendente, tanto che, una volta che le proviamo, non possiamo più vivere senza, a volte soffocando chi ce le fornisce con possessività e le più dolci manipolazioni.

Non è quel poveretto di Cupido quello a cui dobbiamo addossare tutta la colpa del nostro cuore-zerbino calpestato, perché siamo noi gli unici responsabili: ci auto-priviamo dell’amore e ci aspettiamo di colmare il vuoto dentro di noi servendoci dei nostri cari.

Quindi la prossima volta che starete piangendo sul divano, ingurgitando nutella sotto la vostra coperta preferita perché qualcuno si è preso gioco dei vostri sentimenti, ricordatevi che avete due scelte: crogiolarvi tra i pianti e la crema al cioccolato, oppure iniziare ad amarvi, e così essere amati sul serio.

Elisa Sarandrea

Ospitiamo su Papillon l’articolo della studentessa Elisa Sarandrea pubblicato su La ZANZARA, giornalino del Liceo scientifico G B Grassi di di Latina, all’interno di un progetto di collaborazione con la redazione.

EmailWhatsAppFacebookTwitterLinkedIn

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CUPIDO CI SCAGLIA CONTRO FRECCE TOSSICHE?
Rimani aggiornato! iscriviti alla nostra newsletter